L’emergenza sangue in Campania si fa sentire, la carenza di emoderivati crea non pochi problemi al regolare svolgimento delle attività sanitarie, soprattutto di tipo interventistico.

Non mancano le campagne di sensibilizzazione per invitare i cittadini a donare. Dopo quella della sigla sindacale aziendale USB, gli infermieri del INT Pascale di Napoli, hanno deciso di affrontare l’emergenza, così come nella quotidianità professionale, donando.
Lo dichiara Giovanni Petrillo, infermiere del blocco operatorio centrale.
“La donazione non termina oggi, continueremo ad invitare i colleghi a recarsi presso il centro trasfusionale per donare sangue.”

Sull’argomento si è espresso anche il consigliere regionale dei Verdi e componente della commissione sanità Francesco Emilio Borrelli.                “Voglio rilanciare l’appello dell’Istituto Pascale, rivolto a tutti coloro che hanno i requisiti per donare il sangue, a presentarsi presso l’ospedale per contribuire affinchè si scongiuri il blocco degli interventi chirurgici. Un’emergenza, quella del sangue, che sta coinvolgendo numerose strutture della Campania per la quale ritengo opportuno coinvolgere l’intera commissione Sanità per una verifica puntuale delle criticità e per mettere in campo un piano che sia in grado di superare questa crisi. Donare sangue è un atto d’amore nei confronti del prossimo e di grande civiltà. C’è bisogno dell’aiuto di tutti per aiutare le equipe mediche a salvare vite umane. Contribuire recandosi direttamente agli ospedali è il modo migliore per non girare la faccia dall’altra parte facendo finta di niente”.

Anche il Movimento ha risposto all’invito a donare, con una folta rappresentanza recatasi presso l’INT Pascale di Napoli.

“La nostra idea è quella di evitare l’emergenza sangue in campania, proveremo a sensibilizzare più colleghi possibile. Il nostro motto è sempre stato: #unitisipuò “. Questo è quanto dichiarato dal Presidente Fabio Gentile.

“Grande spirito di squadra e senso di appartenenza”, le parole del Direttore Generale del Pascale Attilio Bianchi. “Oltre la solidarietà, qui si respira la quotidiana volontà di non fermarsi davanti a nessun ostacolo, nell’interesse primario dei pazienti, e nella voglia di mantenere l eccellenza che sempre da più parti ci viene riconosciuta. Grazie, grazie a chi ha compiuto questo nobile gesto e a quanti credono in noi”.

Cogliamo l’occasione per invitare tutti i cittadini e soprattutto i colleghi a recarsi presso i punti di raccolta per donare il sangue.