Siamo e resteremo un’associazione apolitica, per cui qualsiasi attacco o difesa da parte nostra, riguarderà non lo schieramento politico, ma le argomentazioni. Siamo stanchi del braccio di ferro politico tra le varie fazioni e soprattutto del voler solo ed esclusivamente puntare a screditare l’antagonista di turno senza mai guardare oltre il proprio naso. La premessa era dovuta, per evitare attacchi inutili ed accuse di schieramento nel momento in cui si và a toccare un personaggio politico. Negli ultimi giorni tiene banco la decisione da parte dell’Asl Na1 di attingere dalle graduatorie di avviso pubblico di infermieri e oss dell’A.O. Ruggi di Salerno per poter sopperire alla carenza di personale in modo da riuscire ad aprire il pronto soccorso dell’Ospedale del Mare. Tali assunzioni a tempo determinato dovranno servire a garantire i LEA in attesa che si completino le procedure di reclutamento dalla graduatoria di MOBILITA’ attiva alla Na1 per quanto riguarda il personale infermieristico e l’espletamento della MOBILITA’ per oss appena bandita, in quanto a causa della legge 114/2014 ormai il personale reclutato da graduatorie di mobilità ha bisogno di tempistiche lunghe per l’effettiva immissione in servizio. Le graduatorie attive per far sì che il personale venga immesso in servizio in maniera breve sono proprio quelle dell’A.O. Ruggi a tempo determinato, NON ESISTONO IN CAMPANIA GRADUATORIE A TEMPO INDETERMINATO SE NON DI MOBILITA’. L’alternativa a questo tipo di assunzioni sono le gare per agenzie interinali, tipologia di reclutamento che DEVE assolutamente sparire entro il 31/12/2018.

Se le critiche e soprattutto la disinformazione proviene da ignoranti in materia, non addetti ai lavori e amanti della critica a tutti i costi, si potrebbe anche far finta di niente, ma se un politico, che DOVREBBE essere addentrato ed informato dimostra disinformazione, rilasciando dichiarazioni ed interviste mettendo in evidenza solo ed esclusivamente la voglia irrefrenabile di infangare un rivale, allora è giusto puntualizzare e chiedere chiarimenti.
E’ il caso di un noto politico che tra testate giornalistiche e social dichiara “Una procedura in palese contrasto con il dl 165/2001 – rivela Ciarambino – che prevede, ai fini della stipula di contratti a tempo determinato, il ricorso alle graduatorie di vincitori e idonei di concorsi pubblici a tempo indeterminato. Un principio pensato per non incrementare il precariato, l’esatto contrario di ciò che sta facendo De Luca. Le graduatorie del Ruggi d’Aragona sono, infatti, di vincitori di concorso a tempo determinato e i nuovi assunti saranno contrattualizzati per appena sei mesi. Se si è preferito il ricorso alle graduatorie di altre Aziende sanitarie, non essendo l’Asl Napoli 1 in grado di soddisfare il fabbisogno di personale, perché si è scelto proprio il feudo dei De Luca? Una scelta che cade, tra l’altro, alla vigilia di una campagna per le politiche che vedrà tra i protagonisti il giovane figlio del governatore. Non c’erano graduatorie presso altre aziende sanitarie? Alla Asl Na 2 Nord c’è certamente una graduatoria attiva per infermieri a tempo indeterminato e attingere da questa sarebbe andato nel rispetto di ciò che prevede la normativa. E presso la stessa Asl è stato fatto di recente un concorso per Oss.”

Premesso che può essere condivisibile il discorso che in questo modo si creerebbe altro precariato, è da sottolineare che queste graduatorie sono ormai già attive e trattasi di avvisi pubblici che hanno previsto prove scritte e orali rendendole abbastanza selettive, non si tratta dunque ne di reclutazione diretta ne di una nuova procedura. Il nodo principale nelle dichiarazioni del suddetto politico, che le rende assurde in maniera esponenziale, è che in Campania graduatorie a tempo indeterminato NON ESISTONO. Le uniche graduatorie che prevedono questa tipologia di contratto sono quelle di MOBILITA’, comprese quella della Napoli 2 che tanto decanta e quella della Napoli 1. Per cui viene da se che il discorso improntato sull’utilizzo della graduatoria Napoli 2 è del tutto privo di senso, dato che si tratta di una graduatoria della stessa tipologia di quella della Napoli 1 non ancora esaurita. Invitiamo il politico e i suoi informatori di porre alla nostra attenzione queste fantomatiche graduatorie a tempo indeterminato dalle quali vorrebbero che si attingesse.

Ulteriore critica è su una tematica che ci tocca veramente tanto..il lavoro fuori Regione. Dalla biografia del personaggio politico in questione viene fuori “Fino a tre anni fa lavoravo e vivevo ad Udine. Ricoprivo una posizione di prestigio, percepivo uno stipendio più che dignitoso, la mia azienda pagava tutte le mie spese, dall’appartamento in cui vivevo, alle bollette, alle spese per tutti i miei spostamenti. Eppure, nonostante conducessi una vita serena e felice, non riuscivo a smettere di sentire che “mancava qualcosa”. E a mancare, in breve tempo l’ho capito, erano “ le viscere”, le “radici”. Per quanto stessi bene, quella non era casa mia e il bisogno di fare qualcosa per la mia terra, invece, si faceva sempre più pressante”. Perchè muoviamo critiche su ciò? Bene..da chi dice di avere un trascorso simile ci aspettavamo molta più considerazione riguardo l’immobilismo del reclutamento di personale tramite mobilità. E invece un continuo negarsi e una moltitudine di tentativi di contatti non andati a buon fine, caratterizzano il non rapporto con il MIC & PS. Il motivo? Dobbiamo pensare sia solo ed esclusivamente di tipo politico, ma dato che siamo un Movimento apolitico come specificato nella premessa, probabilmente trattasi meramente di poco interesse e chiusura mentale.